Benvenuti su GranTourItalia, il portale dedicato all'Italia. Il sito è in fase di avviamento, quindi non completo di funzionalità, informazioni, testi e servizi.
Seguici sui social:

Bitto Dop, tipico formaggio della Valtellina

Il Bitto Dop è un formaggio tipico della Valtellina; vanta origini antichissime e la sua fama ha superato i confini nazionali essendo richiesto in varie parti del mondo.

Bitto Dop
Bitto Dop

Il Bitto Dop viene prodotto soltanto nei mesi estivi e nei pascoli d'alta quota, infatti le caratteristiche organolettiche di questo formaggio sono condizionate dalle qualità di erbe consumate dalle mucche. Il Bitto Dop è un formaggio particolare per una caratteristica peculiare che lo rende e unico al mondo: può essere conservato e stagionato per oltre dieci anni.

Il Bitto Dop è prodotto nella zona della val Gerola - quel breve solco segnato dal torrente Bitto di Gerola che si inserisce nel versante settentrionali delle Alpi Orobie e nell'omonimo Parco regionale -, principale confluente meridionale della Valtellina, il Bitto ha infatti visto la sua produzione diffondersi in tutta la zona, arrivando a fregiarsi del prestigioso riconoscimento Dop e conquistando il marchio di tutela a difesa della sua originalità. Il Bitto ha origini contadine, frutto di fatiche e sacrifici: il suo sapore è unico, grazie alla qualità del latte impiegato, che solo una lunga presenza delle mucche fra i pascoli riesce a dare. L'alta qualità del formaggio è dovuta anche al fatto che l'alimentazione delle mucche e solo ed esclusivamente a base di erba; niente mangimi e niente fieno. Il latte fresco, poco dopo la mungitura, viene lavorato e trasformato in formaggio in sole due ore di lavoro e pastorizzazione. Un tempo i casari si isolavano per mesi sulle montagne, rientrando a fine estate, quando scendevano a valle con i formaggi prodotti.

A metà settembre si tiene la sagra del Bitto, un'insieme di festa e riconoscimento al dominatore dei prodotti tipici della Valtellina. Durante la sagra vengono assegnati premi e onori ai mastri casari. La sagra del Bitto, infatti, non è solo una manifestazione gastronomica e turistica ma un sincero tributo al re dei formaggi valtellinesi.