Benvenuti su GranTourItalia, il portale dedicato all'Italia. Il sito è in fase di avviamento, quindi non completo di funzionalità, informazioni, testi e servizi.
Seguici sui social:

Cisternino, il borgo bianco

In provincia di Brindisi, affacciato sulla valle d'Itria, nella cosiddetta Murgia dei trulli, si trova Cisternino, un antico borgo medievale che sorge in una posizione privilegiata a 393 metri di altitudine su un gradone calcareo dell'ondulata Murgia di Sud-Est.

Cisternino
Veduta di Cisternino

Circondato dalla campagna, da sterminati uliveti e vigneti, tra i più floridi della Puglia, nel territorio dei trulli, Cisternino colpisce per il bianco (da qui borgo bianco) delle sue architetture: Case bianche di calce, vicoli, archi, piccole logge, fregi in pietra e scalette movimentano il sorprendente centro storico di Cisternino, ricco di costruzioni cinquecentesche e seicentesche, come il palazzo del Governatore, palazzo Vescovile, palazzo Amati, palazzo Lagravinese, palazzo Devitofranceschi, Torre Capece.

Tra i momuneti d'interesse vi sono: La Torre di Porta Grande o torre Normanno-Sveva, di epoca medievale e alta 17 metri, rappresentava l'ingresso principale della città; sulla cima si trova una piccola statua di San Nicola; Chiesa Madre di San Nicola, del XIV secolo; Santuario della Madonna d'Ibernia (Madonna de Bernis), a pochi dal centro abitato, che sorge in un'area ricca di reperti risalenti archeologici risalenti all'epoca romana e medievale. Inoltre, nel territorio comunale vi sono circa 400 ettari di bosco (il bosco Monti Comunali), posti da 250 a 350 m s.l.m. I boschi comunali sono la formazione vegetale più consistente della provincia.

Durante l'arco dell'anno, a Cisternino si svolgono molte manifestazioni folkloristiche tradizionali, come la Pasquetta, giorno in cui ci si reca al Santuario della Madonna d'Ibernia con dei dolci tipici (a forma di borsetta con due uova sode per i bambini, con uno a forma di bambola con un uovo sodo per le bambine), chiamato “u churrüchele”, esso porterebbe prosperità e fecondità. Non a caso, quella d'Ibernia è la Madonna della vita, della fertilità e dell'abbondanza.

La manifestazione più importante e sentita dall'intera popolazione cittadina è la festa dei santi patroni della città, San Quirico e Giulitta, chiamata "la festa di San Quirico" che cade nella prima settimana di Agosto e rappresenta per la popolazione locale e turistica la conclusione del periodo estivo.

A Cisternino si tengono anche il Festival Pietre che Cantano, il "Festival Internazionale Bande Musicali Valle d'Itria", il Festival Suoni Sacri e dal Pianeta, dell'Alterfesta. Tra le sagre più rinomate che si svolgono a Cisternino vi sono: la sagra delle orecchiette e quella del coniglio, che si svolgono nel mese di agosto, e la sagra dell'uva, che si tiene a settembre.

Tags: