Benvenuti su GranTourItalia, il portale dedicato all'Italia. Il sito è in fase di avviamento, quindi non completo di funzionalità, informazioni, testi e servizi.
Seguici sui social:

La Processione del Cavallo Parato

La Puglia è custode di numerose tradizioni religiose, come La Processione del Cavallo Parato che si tiene a Brindisi nel giorno del Corpus Domini (il giovedì della seconda settimana dopo la Pentecoste).

Processione del Cavallo Parato
Foto di Pupypan

La Processione del Cavallo Parato è una tradizione che ha origine nel 1254 e che ogni anno vede l'Arcivescovo di Brindisi-Ostuni sulla groppa di un cavallo bianco parato percorrere le principali vie che conducono al mare, per poi benedirlo.

L'Arcivescovo, in questa occasione, porta con sé il Sacramento e in questa cerimonia religiosa viene accompagnato dalle autorità locali civili e militari, dal clero che lancia dei fiori, dai rappresentanti dell'Ordine dei Cavalieri di Malta (Ospedalieri) e dai rappresentanti dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme che reggono le sei aste del baldacchino. La processione inizia all'ingresso del Palazzo del Seminario, poi si raggiungono le strade che conducono sul lungomare. Giunti nella zona del porto tutte le navi all'attracco sono solite suonare le sirene di bordo.

Poi l'arcivescovo sosta di fronte al Monumento al Marinaio d'Italia (monumento a forma di timone che commemora i circa 6.000 marinai caduti durante la Prima Guerra Mondiale) per benedire il mare, infine rientra in città per benedirla. Seguono altri riti con luminarie e fuochi di artificio.

Abbiamo menzionato il Monumento al Marinaio d'Italia eretto per commemorare i marinai caduti durante la II Guerra Mondiale, ebbene, proprio in questo periodo il porto di Brindisi era pieno di navi militari e quando aveva luogo la Processione del Cavallo Parato le navi rispondevano a questa cerimonia con ventuno salve di artiglieria. Questo vi può far capire quanto sia radicata questa tradizione nel cuore dei brindisini, ed effettivamente stiamo parlando di una cerimonia molto antica che, secondo quanto si narra, avrebbe avuto origine in seguito a un episodio che coinvolgerebbe Luigi IX (Re di Francia) nel 1250 quando, di rientro dall'Egitto durante la settimana crociata avrebbe avuto un difficoltoso approdo a Brindisi.

Anche se alcuni vedono nella figura del cavallo un chiaro riferimento alle crociate e a Luigi IX; in verità è molto più plausibile che la tradizione brindisina del Cavallo Parato sia la conseguenza di un rito celebrato in diverse località dell'Italia meridionale che vede il vescovo sotto un baldacchino esporre la particula (il Corpo di Cristo). Ma come sempre, le leggende e la storia si fondono, regalandoci curiosi riti e tradizioni, di cui la Puglia ne è ricca.