Benvenuti su GranTourItalia, il portale dedicato all'Italia. Il sito è in fase di avviamento, quindi non completo di funzionalità, informazioni, testi e servizi.
Seguici sui social:

Villa del Balbianello

Posta sulla punta del Dosso d'Avedo, a picco verso il centro del lago di Como, Villa del Balbianello fu costruita per volere del cardinale Durini alla fine del XVIII secolo.

Villa del Balbianello
Villa del Balbianello - Foto Wikipedia

"Luogo di delizie" del Cardinal Durini nel '700, poi dimora di nobili famiglie, e dal 1974 proprietà dell'esploratore Guido Monzino, che vi ha lasciato ricche collezioni di arte cinese, africana, precolombiana, e preziosi arredi del Settecento inglese e francese e un piccolo Museo dedicato ai cimeli e ai documenti raccolti durante le sue spedizioni. Guido Monzino fece restaurare Villa del Balbianello e lo splendido giardino a terrazze, dominato da un'elegante loggia a tre arcate, lasciandola poi in eredità al FAI (Fondo Ambiente Italiano).

Il cardinal Durini volle costruire la loggia sopra la casa in mezzo alla punta, la vera meraviglia architettonica del Balbianello; essa infatti è posta parallelamente alla penisola e consente una visuale che abbraccia contemporaneamente i paesaggi opposti della Tremezzina, cuore del Lario, e del bacino verso l'isola Comacina. La loggia è affiancata dalla biblioteca – dove si trovano più di 4000 volumi raccolti dal conte Guido Monzino durante i suoi viaggi – e dalla stanza della musica, oggi cartografo, che custodisce una serie completa di mappe e di carte geografiche, molte delle quali utilizzate dal Monzino nelle sue imprese.
Nella loggia soggiornò spesso Giuseppe Parini, che dedicò l'Ode "La gratitudine" al cardinale.

Dal Balbiano, in barca si può raggiungere in pochi minutila punta del Dosso d'Avedo dove il cardinale Durini realizzò, a partire dal 1787, il suo magnifico "luogo di delizie" dove studiava e conversava di cultura e arti con pochi selezionati amici. Gli ospiti erano accolti dal motto "Fay ce que voudras" (Fa ciò che vuoi) inciso sul pavimento del portico aperto sul porticciolo, e salivano poi alla villa attraverso una ripida scaletta a picco sul lago, esistente ancora oggi, poiché l'accesso via acqua è tuttora quello principale.

Tags: